Psicanalista cercasi

SAM_1816

 

Cosa spinge gente come noi, più vicina alla pensione che alla maturità (quella scolastica, naturalmente, perchè per l’altra non abbiamo più speranza), a gongolare per ogni pacco quadrato che ci arriva (preferibilmente di nascosto) da ogni parte del mondo? Il disco introvabile? Forse…(ma quanti dischi introvabili ci sono?)…  Il prezzo stracciato? Difficile…  La sindrome di Babbo Natale? Certo, certissimo, anzi probabile…

Ah…ci mancava anche internet…

Dedicata a Blek, Crazy, Roberto, Daniele, Ettore e a tutti gli altri giocherelloni…sarebbe bello se ognuno ci desse la sua risposta…

5 commenti a “Psicanalista cercasi”

  1. roberto anghinoni dice:

    la gioia è l’attesa. Ogni giorno può essere quello buono per l’arrivo dell’agognato oggetto del desiderio. E se non arriva ci rimaniamo male, ma non troppo, perché sappiamo che il giorno dopo ricomincerà l’attesa. Quando poi il pacco arriva mi capita anche di non aprirlo per giorni, tanto so cosa contiene, a quel punto non c’è fretta. Per i vecchi bacucchi della nostra felice e fortunata generazione, l’acquisto di un disco, ma soprattutto il tempo che trascorre fino al suo arrivo, hanno sostituito altri generi di spasmodiche attese che hanno ingentilito la nostra crescita. Non è, verrebbe da pensare, che ci rimane poco, che ci accontentiamo di poco, ci rimane tantissimo e non ci accomntentiamo per niente, perché la cosa bella non è l’oggetto o il soggetto della nostra attesa, ma il fatto che nonostante il passare del tempo abbiamo sempre voglia di provare emozioni, se vuoi semplici, se vuoi infantili, però sempre profondamente nostre. Vi pare poco?

  2. blek dice:

    ….sono tornato dal Brasile ieri pomeriggio dopo 48 h di viaggio…e prima di aprire le valige ho aperto i pacchi…
    …..
    goduria inestimabile.

  3. paolo dice:

    che bello aprire il pacchetto non sapendo spesso cosa contiene (visto che ne aspetto un certo numero e non posso ricordarmi tutti i dischi ordinati…) e poi dissigillare i dischetti ovviamente salvando eventuali adesivi.
    Ha ragione blek…goduria inestimabile.

  4. CRAZY dice:

    i pacchi mi arrivano per lo più in ufficio, perchè lì c’è sempre qualcuno…
    ho un collega che non ha mai avuto il giradischi (LO SO PER CERTO PERCHè PRIMA DI LAVORARE INSIEME ANDAVAMO NELLA STESSA SCUOLA E CI SI FREQUENTAVA) e quando vede i pacchi, anche quelli del vinile gli si legge in faccia la curiosità di sapere che c’è dentro…
    un altro collega, quello che me li ritira alla posta aveva il giradischi (e l’ha regalato a me) ma non aveva i dischi perchè se li è portati via suo fratello quando si è sposato. lui quando torna dall’ufficio postale col pacco me lo porta di persona senza passare in segreteria, e appoggia l’orecchio al cartone e poi mima con la mano il movimento di un chitarrista slide sul manico della chitarra…
    e oltre a me che ho speso i soldi e mi porto il disco a casa, so che sono felici anche i miei due colleghi…
    vi pare poco?

  5. blek dice:

    …è venuto uno psicanalista a esaminarmi..
    mi ha chiesto se gli vendevo il live di …..

    noi stiamo leggendo il mondo…
    stiamo reggendo la speranza del anti declino
    siamo la seconda fondazione….

    siamo quelli di LFTS….

    america e libertà