Posts Tagged ‘Sherry Brokus’

JIM PATTON & SHERRY BROKUS – Collection 2008/2018

di Paolo Baiotti

26 gennaio 2020

collection[1690]

JIM PATTON & SHERRY BROKUS
COLLECTION: 2008-2018
Berkalin 2019

Questo cd raccoglie 18 tracce tratte dai quattro dischi acustici del duo, tutti registrati a Austin e prodotti da Ron Flynt, con l’aggiunta di un paio di inediti. Coppia di Austin nella vita e nel lavoro, Sherry e Jim cantano insieme da decenni e hanno pubblicato parecchi album, dapprima elettrici, poi acustici a partire da Plans Gang Aft Agley del 2008, seguito da Ray Of Hope, The Great Unknown e The Hard Part Of Flying del 2017. In precedenza hanno fatto parte della band folk/rock Edge City.
A proposito del duo il produttore e chitarrista Lloyd Maines (Guy Clark, Joe Ely, Terry Allen, Dixie Chicks…) ha dichiarato: “ho incontrato Jim e Sherry quando mi sono stabilito a Austin nel ’98. Ho avuto l’opportunità di collaborare su disco con loro e ha funzionato. Sono molto appassionati. Mi hanno sempre attirato gli artisti che scrivono sulle esperienze personali. Sono contento di far parte del loro universo musicale”.
Nei quattro album acustici Flynt ha suonato il basso e le tastiere, utilizzando lo stesso gruppo di musicisti comprendente Warren Hood al violino, Rick Brotherton alla chitarra, dobro e mandolino e John Bush alle percussioni. I brani, tutti composti da solo o con altri da Patton, sono semplici e lineari come le storie raccontate nei testi, adatti alla voce melodica e tendenzialmente malinconica di Sherry, che si alterna con il compagno come solista.
L’orgogliosa Never Give Up, cantata in coppia e Old Coutry Rd aprono il disco con vivacità, seguiti dalla riflessiva On The Day I Leave This World in cui spicca il piano di Flynt. Non ci sono momenti di stanca, i brani sono scelti con cura, alternando momenti appena più mossi come Rebels Without Applause che spicca anche per il testo e il country My Hometown’s Not My Hometown Anymore a ballate intime come l’addio cantato in Don’t Say Goodbye, drammatiche come 27 Voices, nostalgiche come Ghosts In This Room Tonight o toccanti come I Turn To You (una love song con un testo semplice ed efficace) che prevalgono sia numericamente che a livello di ispirazione. Fortunate Man, primo brano dell’album del 2008, ribadisce la scelta di una vita alternativa basata sugli affetti e non sul numero di gioielli posseduti, chiudendo il disco insieme al nostalgico valzer After The Dance.

JIMMY PATTON & SHERRY BROKUS – The Hard Part Of Flying

di Paolo Baiotti

14 agosto 2018

patton[896]

JIM PATTON & SHERRY BROKUS
THE HARD PART OF FLYING
Berkalin Records 2016

Pubblicato in Europa a maggio di quest’ anno, il nuovo album del duo di folk acustico e di Americana formato da Jim Patton & Sherry Brokus, compagni nella vita oltre che nell’attività musicale, riunisce per la quarta volta la coppia con Ron Flynt (multistrumentista, già con i 20/20 e The Bluehearts) che ha registrato e mixato a Austin, producendo le incisioni alle quali hanno partecipato tra gli altri Rich Brotherton (session man che ha suonato in decine di dischi texani, da tempo con Robert Earl Keen) e Martin Dykhuis (Tish Hinojosa, Jimmy LaFave, Peter Rowan…) alla chitarra, dobro e mandolino, Warren Hood al violino nonché Mary Cutrufello ospite alla chitarra acustica solista in due tracce, tutti collaboratori di lunga data della coppia. I personaggi di Patton sono perdenti o eroi minori della classe lavoratrice, le sue canzoni, molte scritte con il cantautore Jeff Talmadge, parlano della vita comune, con semplicità e verità. A tre anni di distanza da The Great Unknown, il nuovo album riafferma la capacità della coppia di scrivere ed eseguire brani di tradizione folk con venature country e qualche vicinanza con il rock, pur mantenendo ferma la scelta acustica. Cresciuti nel Maryland, Patton e la Brokus hanno formato gli Edge City a metà degli anni ottanta, suonando un rock ispirato da Byrds, Stones, Creedence e Van Morrison per parecchi anni sulla costa est, spostandosi a Austin alla fine dello scorso secolo, dove hanno realizzato due cd con la band aiutati da musicisti di primo piano come Lloyd Maines, David Grissom e Gleen Fukunaga. Contemporaneamente stavano approfondendo l’aspetto acustico della loro musica, esordendo con Great Expectations nel 1991, seguito da Million Miles Away due anni dopo. Entrati a far parte del circuito texano dei cantautori, nel 2008 hanno deciso di dedicarsi completamente all’attività acustica. Nel nuovo disco spiccano la delicata How Did We Come To This?,fusione perfetta di melodie vocali e arrangiamento minimale, la mossa When I Was The King in cui Jim assume il ruolo di voce solista, la deliziosa ballata country Drunk In Baltimore e la ritmata Down At The Anchor Inn, un rock acustico con la Cutrufello alla chitarra solista, dove la voce di Patton ricorda Lou Reed. The Hard Part Of Flying è un disco di folk acustico di agevole fruizione, pur non vantando una scrittura trascendentale.