Posts Tagged ‘Dave Desmelik’

DAVE DESMELIK – Lifeboat

di Paolo Baiotti

4 giugno 2017

lifeboat-scanned-front-cover

DAVE DESMELIK
LIFEBOAT
www.davedesmelik.com 2016

Cantautore originario di Atlanta, Georgia, si è trasferito più volte fino all’attuale residenza di Bevard in Carolina del Nord. Alla fine degli anni novanta ha fatto parte degli Onus B. Johnson, band jamgrass di Flagstaff piuttosto conosciuta in Arizona con la quale ha inciso due dischi. Ma la sua carriera solista, iniziata nel ’99 con Move On, è molto più corposa, comprendendo ben dieci albums prima di Lifeboat che hanno ottenuto discreti riscontri e attenzione da parte di siti e radio specializzati quali EuroAmericana Chart, Roots Music Report, Freeform American Roots Chart e North Carolina Roots Radio Chart. Il filone nel quale si inserisce la musica di Dave è quello dell’Americana, tra roots e folk con attenzione alle parti strumentali arrangiate con cura. Tra gli artisti supportati dal vivo basta ricordare Drivin’ N Cryin’, Robbie Fulks, Richard Buckner, Cary Hudson, Shawn Mullins, Pieta Brown e Bo Ramsey.

Non è mai riuscito ad emergere del tutto, ma si sa che negli Stati Uniti la concorrenza è molto forte e gli spazi per la musica indipendente sono piuttosto ridotti. Lifeboat è un album interessante e scorrevole che alterna momenti strumentali elettroacustici molto particolari, a volte jammati e con un uso prevalente di strumenti suonati da Dave (chitarre acustiche ed elettriche, tastiere, ukulele, batteria, basso). La mini suite iniziale Leave It Alone è unita alla coda strumentale Head Rush creando un’atmosfera sparsa e sospesa che viene ribadita da Don’t Recreate The Wheel e dall’intensa Surgery, Recovery and Love, basata sui gravi problemi di salute di uno dei due figli dell’artista, nobilitata da una coda strumentale struggente.

La traccia centrale del disco è A Strange Realization, versione audio di una performance artistica con vari spezzoni che le danno un respiro cinematografico, nella quale si aggiungono la lap steel di Josh Gibbs e il basso di Andy Gibbon, suoi abituali compagni dal vivo. Nella parte finale emergono il rock trascinante di Battlefield, l’emozionante Heart Light e lo strumentale Black Collar, giocato su un increccio tra piano e chitarra acustica.