KAURNA CRONIN – Harsh Beauty

kaurna

KAURNA CRONIN
HARSH BEAUTY
Autoprodotto 2022

Cantautore australiano più volte premiato in patria, anche come artista dell’anno della Folk Alliance Australia, conosciuto anche in Europa dove è attualmente in tour nei paesi dell’est e in Germania e dove si è già esibito più volte, si muove in ambito indie/folk anche se nel recente Aloft In Blue del 2020 e in questo nuovo album ha accentuato l’aspetto melodico e le influenze pop. Nelle sue canzoni presta uguale attenzione alle melodie e alla sostanza dei testi, che contengono analisi critiche sulla società contemporanea. In particolare Harsh Beauty vuole riflettere sugli effetti dell’ambiente sull’umanità e quindi sulle differenze derivanti dalla particolarità di ogni ambiente nel quale ognuno di noi cresce e sviluppa la propria personalità. La voce di Cronin ricorda cantautori melodici di altre epoche come Al Stewart e artisti contemporanei come Ben Watt e Chris Martin, specialmente nell’uso del falsetto e nell’estensione vocale. Da non sottovalutare l’importanza dei musicisti che lo accompagnano, tra i quali il chitarrista e mandolinista Tom Kneebone, il bassista Kiah Gossner che ha partecipato anche al missaggio del disco, il batterista e percussionista Kyrie Anderson e il violinista Frank Giles, mentre Cronin si disimpegna alla chitarra, all’armonica e alle percussioni.
Tra i brani emergono la delicata Our Way con una melodia accattivante, incentrata sulla vulnerabilità delle relazioni, l’elettroacustica Unknown, il singolo Never Said con una chitarra elettrica tagliente e un testo di critica alla società capitalista, accompagnato da un video in cui l’artista si muove negli immensi spazi desertici australiani e Keep Me By The Rock dotata di una ricca melodia soft-rock, ispirata da un viaggio tra Darwin e Adelaide per la cerimonia di divieto delle scalate alla celebre Ayers Rock, rinominata Uluru, sacra per gli aborigeni australiani. Nel finale l’agrodolce The Hardest Part sigilla in chiave folk-pop un disco meritevole di attenzione.

Paolo Baiotti

Tags:

Lascia un commento