MOTHER ISLAND – Motel Rooms

Mother Island - Motel Rooms (1)[408]

Mother Island – Motel Rooms (Go Down Records 2020)

Terzo album per la formazione vicentina dei Mother Island e ottima conferma della classe e delle potenzialità del gruppo. A dispetto di una copertina che lascia perplessi (non sarebbe stata male su un disco di Lucio Battisti con Panella), con tanto di vinilico gatefold sprecato senza dare informazioni sui musicisti e senza uno straccio di immagine relativa al quintetto, Motel Rooms è un signor disco, ben suonato e splendidamente cantato, che evidenzia ancor più del suo ottimo predecessore la passione per le sonorità vintage, stavolta spostate maggiormente verso il sound psichedelico californiano, con ampi riferimenti, ma mai copiature, ai Jefferson Airplane in particolare, per non dire ai Great Society (la voce di Anita Formilan, è uno dei punti di forza in questo senso) o altre realtà più oscure.

Le tastiere sono meno presenti rispetto al precedente Wet Moon in cui contribuivano a far virare il sound verso orientamenti più garagisti, e il fatto che nei loro concerti i Mother Island non abbiano tastierista è abbastanza esplicativo, qui comunque gli interventi sono molto misurati e affidati aEdoardo Piccolo che si destreggia tra Fender Rhodes e Philicorda (un organo prodotto in casa Philips negli anni sessanata), per il resto la potenza sonora è tutta nelle mani delle due chitarre rigorosamente vintage di Nicola Tamiozzo e Nicolò De Franceschi, che sviscerano languidi assoli sorretti dal basso di Giacomo Totti e dalla batteria di Nicola Bottene.

Su tutto la voce ipnotica e suadente della Formilan.

Il disco, uscito rigorosamente in vinile, in due versioni, una verde ed una canonica, si apre con l’ottima Till The Morning Comes che evidenzia fin da subito le caratteristiche stilistiche succitate e a conferma, se necessario, arriva poi Eyes Of A Shadow, altra composizione degna di nota.

And We Are Shining è il brano che il gruppo ha scelto come singolo di lancio per il disco, e il sound si sposta verso un surf rock d’ispirazione garage, un buon brano, forse meno in linea col sound generale di Motel Rooms, Summer Glow è imperdibile, con il suono di tastiere d’altri tempi che fanno da tappeto al brano, ma la summa summarum di questa prima facciata è il quasi valzer che chiude il primo lato, We All Steam To Fall To Pieces Alone, lenta composizione che la Formilan canta ispirata, con i fiati di Glauco Benedetti e Sergio Gonzo che danno una bella mano a definire il sound, mentre le chitarre di De Franceschi e Tamiozzo sfoderano un suono morriconiano di grande effetto. Sicuramente una delle perle del disco.
Voltando il disco non c’è tempo per tirare il fiato, Demons è incalzante, tirata e con un assolo di chitarra breve quanto giusto, con Song For A Healer tornano le atmosfere surf, la voce ricorda ancor più quella della Slick, gli intrecci delle chitarre ci riportano ad anni lontani senza far sembrare il disco datato. Questo è il miracolo dei Mother Island, suonare e scrivere musica vintage facendola risultare molto moderna alle orecchie dell’ascoltatore.

Seguono due composizioni incalzanti e robuste, Sant Cruz e Dead Rat, preludio alla conclusiva Lustful Lovers lento e lungo commiato dall’ascoltatore; a metà tra surf sound e Bond song (nel senso di James Bond), tanto che non sbaglierebbero gli eredi di Albert Broccoli (il producer storico dei Bond movie) a commissionare alla band di Schio i titoli di testa della loro prossima produzione.

Tags:

Lascia un commento