JOE BOUCHARD – Strange Legends

strange[378]

JOE BOUCHARD
STRANGE LEGENDS
Rockheart Records 2020

Joe Bouchard ha esordito da adolescente con The Regal Tones; insieme al fratello batterista Albert ha condiviso questa prima esperienza e poi quella fondamentale dei Blue Oyster Cult, di cui entrambi sono stati membri fondatori. Joe ne è stato il bassista dal 1971 al 1986, ma non solo: ha scritto e cantato tracce fondamentali come la psichedelica Screams, Hot Rails To Hell, Morning Final, Celestial The Queen, l’immensa Astronomy e l’inquietante Nosferatu. In seguito ha studiato e insegnato musica e, dopo un intervallo di qualche anno, ha ripreso a suonare formando gli X Brothers che hanno inciso tre dischi tra il ’97 e il 2012, esordendo come solista nel 2008 con Jukebox In my Head seguito da altri quattro album, prodotti e pubblicati in modo indipendente, senza nessun appoggio esterno e quindi poco conosciuti se non dai fans più fedeli. Nel contempo ha formato il trio Blue Coupe nel 2010 con il fratello Albert e Dennis Dunaway, bassista fondatore dell’Alice Cooper Group, con il quale aveva già collaborato in un altro trio, BBD (Bouchard, Dunaway & Smith): hanno inciso tre dischi e sono tuttora attivi, alternando nei concerti brani della band e provenienti dalle rispettive carriere con i BOC e Alice Cooper.
In queste numerose esperienze Joe ha ripreso a suonare la chitarra, il suo primo strumento, lasciando in secondo piano il basso. Strange Legends è stato inciso quasi tutto da solo: chitarra, voce, basso, tastiere, tromba e mandolino sono nelle mani di Bouchard, con la batteria affidata a Mickey Curry, che suona da una vita nella band di Bryan Adams e come session man ha collaborato, tra gli altri, con Hall & Oates, The Cult, Debbie Harry, Tom Cochrane, Elvis Costello, Alice Cooper. Dopo avere firmato un contratto con la Rock Heart Records, che pubblicherà anche il nuovo atteso album del fratello Albert, Joe ha forse la possibilità di allargare il suo pubblico. L’accurata produzione e la diffusione di parecchi video su You Tube delle nuove canzoni sono il primo passo; il blocco dei concerti a causa della pandemia purtroppo è un ostacolo alla conoscenza del disco, perché si sa che oggi poche radio trasmettono nuovi brani di artisti rock considerati del passato, ma Strange Legends ha alcune tracce che potrebbero ottenere una buona programmazione. Intanto in Olanda il disco sta avendo un ottimo riscontro e le recensioni europee sono positive.
In effetti si tratta di un album di rock energico, come testimoniato dall’opener The African Queen, ispirata dall’omonimo film (La Regina d’Africa del 1951), che ricorda le atmosfere misteriose dei Blue Oyster Cult. Bouchard ha scritto sei brani, un paio con l’aiuto dello scrittore e sceneggiatore John Shirley, mentre quattro sono dell’amico John Elwood Cook che ha già collaborato con lui in passato. Il garage rock di Forget About Love e l’affascinante Walk Of Fame attraversata da un riff incisivo completano il riuscito tris d’apertura. Sembra più scontato l’up-tempo Hit And Run, ma lo strumentale Racing Thru The Desert, in cui Joe suona anche la tromba e l’inquietante She’s A Legend ci riportano ad atmosfere più coinvolgenti. L’unica cover è una discreta ripresa di All Day And All Of The Night dei Kinks che precede l’oscura ballata Once Upon A Time At The Border, che non avrebbe sfigurato in Spectres o Agents Of Fortune.
Nel finale la ritmata Bottom For The Bottomless in cui spiccano le linee di basso di Joe, l’eterea ballata Strangely In Love e l’insistente melodia di Winter confermano il giudizio positivo sul disco.
Una prova solista di buon livello da parte di un artista che a 71 anni dimostra di avere ancora qualcosa da dire.

Tags:

Lascia un commento