BOBBO BYRNES – SeaGreenNumber5

21722

BOBBO BYRNES
SeaGreenNumber5
Autoprodotto 2020

Ci siamo occupati di questo artista l’anno scorso in occasione della pubblicazione del terzo album The Red Wheelbarrow. Ispirato da autori come Bruce Springsteen e Paul Westenberg in bilico tra americana e alternative rock, originario del Massachusetts e residente da tempo in California, per il quarto album, anche a causa della pandemia, si è comportato diversamente. Nessun ospite di prestigio come Ken Coomer, Phil Manzanera o Remi Jaffee, ma un approcio più intimo e morbido con una formazione elettroacustica ridotta comprendente la moglie Tracy al basso e voce, Matt Froehlich alla batteria, Georgiana Hennessy al violino e Jeremy Long alla pedal steel, oltre a un paio di coriste. L’album è ispirato dal quadro di Byrnes con lo stesso titolo raffigurato sulla copertina. Bobbo è un valido storyteller: le sue canzoni raccontano la vita di un musicista on the road (10.000 Miles), la passione per la moglie bassista (Queen Of The Party che apre il disco) o vicende più drammatiche come il coinvolgimento involontario in una sparatoria (Every Sound That Crashes). La scelta musicale è orientata verso un folk-rock con venature country che ricorda anche nell’uso delle armonie vocali CSNY e gli Eagles, con la pedal-steel in primo piano. Non sempre la scrittura è all’altezza, ci sono tracce un po’ scontate, ma non mancano riusciti momenti di intimità più quieta come Sight Of Me e lo strumentale Geo’s Jig, alternati a brani più ritmati tra i quali Eveline e Running Back To You in cui spiccano i backing vocals di Jen Moraca e Tawny Ellis e gli arpeggi dell’acustica di Bobbo. In chiusura il morbido country Somewhere Else punteggiato dalla pedal-steel riafferma la scelta intimista del disco.

Tags:

Lascia un commento